Anziani, la partecipazione sociale è la ricetta per la sana longevità

Report McKinsey Healt, avere uno scopo nella vita fattore decisivo per invecchiare meglio (ANSA)

La longevità, ossia la ricerca per vivere un’età avanzata nel miglior modo possibile, ha invaso tutte le discipline scientifiche, motore forte per la medicina, l’alimentazione, il benessere, il beauty non fosse altro per la composizione sociale della popolazione, sempre più anziana. Qual è la più forte variabile per prevedere salute e felicità nella vecchiaia? Un crescente numero di ricerche suggerisce che la risposta sono le buone relazioni. Si tratta di relazioni che conferiscono un senso di scopo e una connessione significativa, tra loro e con la società. 
Una recente indagine del McKinsey Health Institute (MHI) su adulti di età pari o superiore a 55 anni in 21 paesi conferma questi risultati. Si è scoperto che avere uno scopo nella vita e connessioni significative con gli altri sono tra i fattori più importanti per rafforzare la salute degli anziani in tutto il mondo. Gli intervistati hanno spesso citato la realizzazione personale e la connessione sociale come motivazioni principali per lavorare o fare volontariato. Sono stati considerati importanti anche l’apprendimento permanente e la partecipazione ad organizzazioni o attività della comunità.
Questi risultati sono tutti in linea con il concetto di “partecipazione sociale”, attraverso queste attività, gli anziani possono soddisfare molti dei fattori che influenzano la loro salute, dal trovare uno scopo, al connettersi con gli altri e al rimanere attivi.
Essere riusciti ad avere una vita media più lunga non basta per un invecchiamento sano: uno dei cinque domini di abilità funzionale richiesti nel Decennio delle Nazioni Unite è proprio  la “capacità di contribuire alla società”, allo stesso modo, la tabella di marcia globale per una sana longevità della National Academy of Medicine delinea otto obiettivi a lungo termine a cui aspirare, quattro dei quali riguardano la partecipazione sociale degli anziani.

Entro il 2050, si prevede che il numero di persone di età superiore ai 65 anni aumenterà dal 9,4 al 16,5% della popolazione totale mondiale.
A livello locale, i divari tra zone rurali e urbane porranno sempre più i paesi di fronte alla sfida di bilanciare esperienze di invecchiamento equi. Trovare soluzioni per la partecipazione sociale nelle nostre città e comunità locali sarà essenziale per costruire una società futura in cui fiorisca un invecchiamento sano, indipendentemente da dove si vive.

Perché la partecipazione sociale è importante?
McKinsey Health Institute ha analizzato più di 70 studi accademici recenti sul tema e ha rilevato sei benefici per la salute tematici: riduzione dei tassi di mortalità; ridotta disabilità cognitiva; minore disabilità funzionale e fragilità; diminuzione della solitudine e della depressione; aumento dei livelli di attività fisica e miglioramento del significato e della qualità della vita. “Le persone più felici, che sono rimaste più sane invecchiando e che hanno vissuto più a lungo erano quelle che avevano i legami più affettuosi con gli altri”, ha affermato Robert Waldinger, direttore dello studio di Harvard e autore di The Good Life. : Lezioni dallo studio scientifico sulla felicità più lungo al mondo (Simon & Schuster, gennaio 2023).

Oltre alle relazioni forti e al senso di scopo – beni inestimabili di per sé – c’è un vantaggio economico nella partecipazione sociale. I risultati dell’indagine  stimano inoltre che la popolazione di età pari o superiore a 55 anni abbia contribuito con quasi 73 miliardi di ore di volontariato nei paesi campionati. Affrontare la domanda insoddisfatta di volontariato potrebbe potenzialmente aggiungere più di 103 miliardi di ore all’anno a questa cifra. Di questo, quasi il 70% di questo potenziale deriverebbe dalle sole Cina e India .

Sebbene la dimensione e la distribuzione di queste opportunità varino ampiamente da un paese all’altro – e la nostra analisi coglie le opportunità solo dai paesi esaminati – il potenziale economico della partecipazione sociale degli anziani è senza dubbio. Al di là dell’occupazione e del volontariato, una maggiore partecipazione sociale degli anziani può anche portare a una migliore armonia sociale attraverso una migliore coesione intergenerazionale .

Ma ci sono anche diverse barriere sociali e idee sbagliate che impediscono il progresso degli anziani che cercano opportunità di coinvolgimento, su tutte le credenze obsolete sull’età. Una delle sfide è l’ atteggiamento ageista  che presuppone che la vecchiaia sia collegata a una minore capacità di funzionare in modo efficace.
Nonostante gli anziani siano più sani e più istruiti che mai, queste convinzioni obsolete possono spesso portare a pregiudizi ingiusti nei confronti degli anziani che cercano opportunità di partecipazione.
Le città sono piattaforme ideali per affrontare le barriere alla partecipazione. La risoluzione di queste barriere richiederà un cambiamento fondamentale nelle infrastrutture sottostanti affinché diventino solidali e inclusive per le persone di tutte le età. Per ottenere i risultati desiderati, questo cambiamento dovrà estendersi a tutti gli aspetti dell’infrastruttura: infrastrutture sociali, fisiche come la progettazione dell’ambiente edificato tenendo conto delle esigenze di mobilità di tutte le persone, politiche anche.
Nel suo Quadro per le città amiche degli anziani, l’Organizzazione Mondiale della Santità delinea come le città collegano vari ambiti della vita urbana. Il report fa anche esempi concreti. Ad Hanoi, in Vietnam, l’organizzazione non governativa (ONG) HelpAge International ha fondato 94 club di auto-aiuto intergenerazionali come parte di un progetto a sostegno degli anziani svantaggiati in tutto il Vietnam. Gli anziani locali potevano riunirsi e prendere decisioni su come volevano contribuire alle loro comunità locali. Nei tre anni del progetto, i soci del club hanno raccolto collettivamente circa 17.600 dollari per mantenere le proprie attività, hanno fornito con successo prestiti di microcredito a 390 soci per migliorare la capacità di generare reddito e hanno aiutato 97 membri della comunità locale a ottenere servizi di assistenza domiciliare. A Città del Capo, il programma di sostegno peer-to-peer AgeWell è stato sperimentato come mezzo a basso costo per supportare i bisogni di una popolazione anziana in espansione. Un campione non casuale di 212 persone di età pari o superiore a 60 anni è stato selezionato dalla municipalità di Khayelitsha, dove la popolazione locale era composta prevalentemente da sudafricani svantaggiati, neri e di lingua isiXhosa con risorse limitate e accesso limitato ai servizi sanitari formali. I clienti AgeWell venivano regolarmente visitati da volontari reclutati (di età pari o superiore a 60 anni), che facevano amicizia con i clienti e li aiutavano a indirizzarli ai professionisti medici e ai fornitori di servizi sociali pertinenti. I clienti AgeWell hanno mostrato miglioramenti nei punteggi del benessere mentale durante tutto il programma con una media di base del 50% che è salita al 79%, un miglioramento complessivo del 58%. Nella capitale cilena, Santiago, migliaia di anziani indossano i cinturini RedActiva, braccialetti in silicone rosso che li aiutano a spostarsi in città. Chi lo indossa può utilizzare il braccialetto per richiedere un prolungamento dell’orario di attraversamento pedonale ai semafori, accedere ai servizi igienici gratuiti presso gli esercizi commerciali aderenti e segnalare le fermate preferenziali dei trasporti pubblici.  Al prezzo di circa 2 dollari per unità, il cinturino RedActiva è un esempio di design innovativo incentrato sull’utente e di collaborazione intersettoriale. Il governo di Singapore ha investito nella forza lavoro più anziana in tutte le fasi del percorso lavorativo. I lavoratori più anziani che partecipano a programmi di riqualificazione possono beneficiare di sovvenzioni fino al 90% delle spese dei corsi, i datori di lavoro sono supportati con finanziamenti e conoscenze per riprogettare i posti di lavoro per i lavoratori più anziani e creare luoghi di lavoro a misura di anziano, e il governo ha specificato un’età di reinserimento lavorativo per proteggere legalmente i diritti dei lavoratori che desiderano continuare a lavorare anche in età avanzata. Il Consiglio Comunale di Barcellona ha approvato la sua Strategia per il cambiamento demografico e l’invecchiamento per promuovere la partecipazione sociale in linea con le preferenze della popolazione locale. I punti salienti includono la programmazione di un’ampia gamma di attività, l’ampliamento dell’accesso degli anziani alle strutture locali come scuole di musica e musei e il coinvolgimento dei cittadini più anziani nella definizione delle politiche di trasporto pubblico della città. Un programma pilota chiamato Experience Corps è stato sperimentato in cinque città degli Stati Uniti nel 1996 per utilizzare volontari più anziani per aiutare i bambini in età scolare svantaggiati. E sono stati dimostrati miglioramenti nell’alfabetizzazione dei bambini e benefici per la salute dei volontari più anziani.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *